Come visitare la Reggia di Versailles

Celebrata come sinonimo di sfarzo ed eleganza, la Reggia di Versailles è certamente una delle residenze regali più famose al mondo. Il sontuoso palazzo, restaurato e ampliato nel Seicento per volere di Luigi XIV, rappresenta ancora oggi uno dei massimi esempi di barocco francese. Qui il Re Sole si rifugiava dal caos di Parigi insieme all’intera corte, dedicandosi alla caccia e a feste così lussuose da essere ricordate ancora oggi.

Il Castello di Versailles è, ai giorni nostri, la massima attrattiva della cittadina francese. Distante pochi Km da Parigi e facilmente raggiungibile in treno, la reggia rappresenta una destinazione obbligata per chi si trovi a passare le proprie vacanze nella capitale. La visita turistica consta di due tappe che corrispondono ai giardini e al vero e proprio palazzo. Attraverso il pagamento di un biglietto di circa 20 euro, sarà possibile visitare gli appartamenti reali e gli interi giardini.

Le stanze accessibili, complete di arredi d’epoca, sono un chiaro ritratto della vita all’epoca del Re Sole. Nella visita attraverso le magnifiche camere del palazzo potrete ammirare, tra le altre, la Stanza da letto del re, quella della regina e il famosissimo Salone degli specchi. Quest’ultimo, da cui potrete godere di una piacevole vista sui giardini, è una lunghissima galleria (circa 80 metri), in cui ampie vetrate sono poste in corrispondenza di altrettanti specchi. L’effetto è strabiliante.

Una volta visitato il palazzo potrete liberamente dedicarvi ai giardini. L’impresa non è delle più semplici. Vi troverete infatti ad avere a che fare con 800 ettari di giardino, arredati con fontane, sculture e diversi padiglioni. Decisamente suggestivi sono il Grand Trianon, un piccolo palazzo in marmo rosa, e il Petit Trianon, utilizzato da Luigi XV per amare liberamente Madame de Pompadour.

La visita a Versailles necessita di tempo e, se desiderate ammirarne ogni angolo, avrete decisamente bisogno di più di un giorno. In ogni caso non perdete questa meraviglia architettonica, orgoglio dei re di un tempo e dell’intera Francia.

 


Commenti